Giugno, hophophop, dindindin

Da due anni a questa parte giugno è particolarmente caldo. E non mi riferisco alle condizioni metereologiche (che poi quest’anno smentisce decisamemte), ma a tutta quella girandola di feste e ricorrenze – al 2 c’è il compleanno di Juan, al 6 l’anniversario del nostro incontro (o compleanno di famiglia come lo chiamiamo noi), poi ci sono le feste di fine asilo o scuola, il saggio e quest’anno, new entry, il Palio di Castellanza.

Ecco l’inizio del compleanno di Juan, un attimo prima di aprire i regali.
Al pomeriggio festa con i cuginetti con tanto di spettacolo improvvisato.
Ed eccoci al giorno del nostro compleanno. Foto di gruppo con sole negli occhi.
Peace and love, bro’
Il giorno del Palio di Castellanza. Questi sono dei figuranti del CERS (? ? Rievocazioni Storiche) (ebbene no, non siamo noi in uno dei nostri più riusciti travestimenti). A causa della presenza di tanti altri bambini non possiamo mettere altre foto.
Il saggio di ginnastica ritmica. Prima dell’esibizione, Mariana era nervosissima, preoccupata e ansiosa, ma nello spettacolo ce l’ha messa tutta ed è stata bravissima.
Naturalmente quel giorno faceva caldissimo e il body in velluto la… fastidiava (questo spiega come mai ha le maniche annodate al collo).
Festa del grazie all’asilo, con lancio dei palloncini. Mentre eravamo distratti dai puntini di colore che rimpicciolivano nel cielo, gli altri si avventavano su patatine e pizzette lasciandoci a becco asciutto… amen, ci siamo rifatti con la torta.
Non siamo tornati alla casa delle farfalle di Cervia, ma in una gita al Ticino abbiamo trovato questa che si è voluta far fotografare.

Leave a Comment