Filastrocca dei segreti pesanti

Ho nascosto quella cosa in fondo a meperché se non la vedo lei non c’è.
Non ne parlo per non essere più triste
perché se non la dico non esiste.
Ma laggiù in fondo a me nel buio denso
anche se non la vedo io ci penso
e lei beve quel buio come inchiostro
e cresce sempre più, diventa un mostro.
Ma io so cosa ai mostri fa paura:
il sole che taglia in due la notte scura.
Apro la mia finestra a questo sole
ed apro la mia bocca alle parole.
Ne parlo con la mamma, con l’amico…
tu mi spaventi Mostro ed io… ti dico!
E tu ti scogli in un po’ di porcheria.
Mi dai un ultimo morso e fuggi via.
Mi rimane una bella cicatrice dove
è scritto “Mostro morde, uomo dice!”
(da “Il segreto di Fata Lina”)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.